Home Modi di dire Olio di gomito

Olio di gomito

901
0
olio di gomito

Da dove deriva la frase “olio di gomito”?

Nella lingua italiana, si ricorre a questa locuzione per indicare un’azione di pulizia che richiede impegno, energia e forza fisica.

E’ un’espressione idiomatica che non ha corrispondenza nelle altre lingue.

Si tratta, infatti, di una frase fatta o di un modo di dire tipico della nostra lingua, che non può essere tradotta in maniera adeguata in un idioma straniero.

Per capire questo concetto, è sufficiente cercare la traduzione di “olio di gomito” in qualunque altra lingua. Il risultato sarà una frase interpretata letteralmente, che perde il suo significato primitivo.

Per quanto riguarda la sua origine, l’espressione potrebbe avere una motivazione scientifica o semplicemente figurata.

Olio di gomito

L’origine dell’espressione “olio di gomito”

Esistono due teorie sull’origine di questo modo di dire.

La prima fa riferimento ad una caratteristica del corpo umano e, in particolare, al “liquido sinoviale” presente nel nostro organismo.

Si tratta di una sostanza che ha la funzione di lubrificare le articolazioni e di nutrire le cartilagini articolari.

Per il ruolo svolto, la “sinovia” è paragonata all’olio che si utilizza nelle apparecchiature meccaniche, necessario a ridurre l’attrito tra gli ingranaggi.

Nel nostro corpo avviene lo stesso meccanismo. Pertanto, è utile mantenere una buona lubrificazione delle ossa attraverso la produzione di questa sostanza.

La seconda teoria sostiene, invece, che l’espressione “olio di gomito” non faccia nessun riferimento al liquido contenuto nelle cavità articolari del corpo umano, ma che abbia soltanto un significato figurato.

I sostenitori di questa tesi ritengono che il modo di dire derivi da un semplice paragone tra i gomiti degli esseri umani e i meccanismi delle macchine industriali. Infatti, entrambi gli elementi attuano dei movimenti rapidi ed energici e necessitano di essere lubrificati per evitare inceppamenti, imprevisti ed aver un funzionamento ottimale.

Clicca qui per tornare alla categoria “Modi di dire”

Previous articleStare tra Scilla e Cariddi
Next articleLa tradizione dell’uovo di Pasqua